Dove andremo a sbattere?

Abbondantemente prima della fine dei famosi 100 giorni, la parte berlusconiana di questo governo è riuscita già a riproporre il vecchio ddl Alfano sulle intercettazioni e il dimezzamento della pena per concorso esterno in associazione mafiosa. Allo stesso tempo i grillini affilano le armi e ripropongono dopo 17 anni l’ineleggibilità di Silvio.

In tutto ciò il PD è, come al solito, stretto nella morsa, tra l’imbarazzo di mandar giù rospi e le promesse di responsabilità al governo. E i cosiddetti leader, un tempo onnipresenti, ora si guardano bene dal difendere le scelte impopolari, anzi le attaccano, cosicché la linea politica, figlia di nessuno, sembra decisa a sorteggio.

Perché ora come ora il partito sembra un pulmino in gita scolastica che sbanda. E il guidatore dal cognome bipartisan, sembra condannato ad andare a sbattere contro un platano. Intanto la base, non sapendo con chi prendersela, urla contro gli onorevoli bambini dentro al pullman, perché si lancino fuori prima che sia troppo tardi.

Sul ciglio della strada si accalcano gli umarel, mani dietro la schiena. “No no no, questo qui non è mica un lavoro fatto bene”. “Ma non vede che c’è da controsterzare a sinistra?”. Più si fanno vedere lì, sul marciapiede, più sottolineano che non sono loro al vImageolante.

Qualcuno prende tempo, aspetta qualche mese, vede come va, al limite se il pulmino non si sfascia prima, a ottobre si candida. Qualcun altro non si candida perché “non vuole poltrone”. Certo, a meno che non sia la poltrona di Presidente del Consiglio: in quel caso i suoi giovani glutei potrebbero anche farsene una ragione.

Non è vigliaccheria, si tratta semplicemente di saper comunicare. Senza porsi troppe domande sul cosa.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...