Flash Iran

Flash Iran

Rohani è il nuovo Presidente del Governo iraniano. Evita il ballottaggio e porta i moderati a capo dell’esecutivo. L’ala conservatrice, guidata dal sindaco di Teheran, ammette la sconfitta. Il nuovo premier dopo aver twittato la propria felicità dovrebbe essere già al lavoro per una nuova “carta dei diritti civili”. Speriamo e attendiamo fiduciosi.

Annunci

4 pensieri su “Flash Iran

  1. Il concetto di candidato riformista in Iran è del tutto peculiare però.
    Basti pensare che il candidato vittorioso si definisce “moderato e riformista”, ma in realtà è il candidato più clericale tra tutti quelli in lizza e molto vicino da sempre a Khamenei. Stavolta i capi religiosi hanno deciso di segare tutte le candidature veramente di rottura per puntare ad eleggere un presidente che non indebolisca le fondamenta della pseudo teocrazia iraniana. Da una parte hanno infatti segato Rafsanjiani e dall’altra hanno segato il candidato di Ahmadinejad pronto a mettere in discussione il sistema da posizioni nazionaliste nel solco del suo predecessore. Hanno quindi accettato solo quei candidati che non possono mettere in crisi il sistema di potere in vigore a Teheran da più di trent’anni. Difficilmente Rohani tenterà di riformare il sistema in senso democratico , così come i candidati più conservatori non avrebbero tentato di riformare il sistema in senso nazionalista. Mai come questa volta Khamenei è riuscito a tenere le elezioni sotto controllo e la vittoria di un candidato più riformista è un anche un ottimo biglietto da visita di fronte all’opinione pubblica internazionale.
    Insomma, ci credo poco in questa ventata riformista iraniana, staremo a vedere (sicuramente certi toni in Politica estera saranno abbassati, ma per il resto nutro grossi dubbi)

  2. Che poi, stringi stringi, in tanti vogliono solo sapere cosa si farà con l’atomica, e magari un lieve cambio di tono nei confronti di Israele potrebbe aiutare tutti. A partire da Obama.

  3. Poi con tutto il casino che c’è in Siria a nessuno, credo, convenisse avere del pandemonio pure in Iran. In questo un candidato di apparato ma che evita scene aggressive ad ogni assemblea generale dell’ONU e che, magari, riapre qualche tavolo negoziale per fare contenti gli occidentali appare essere il miglior vincitore possibile per tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...