Ancora tutti entusiasti per il multipolarismo?

Doverosa premessa: non ho dubbi sul valore della responsibility to protect e sulla sua potenziale applicabilità anche al caso siriano. Enormi dibattiti si possono aprire sull’arbitrarietà di questo concetto ma se la R2P valeva nei precedenti casi bosniaco e kosovaro nonché nel più recente caso libico non vedo alcun motivo per cui essa non possa essere richiamata nel caso della Siria. Ciononostante condivido le preoccupazioni che Davide ben illustrava nel suo post. Il rischio di intraprendere un’azione per evitare di perdere la faccia (in primis quella di Obama che aveva fissato la linea rossa) o, peggio ancora, senza avere idea precisa di cosa si voglia ottenere mi sembra qui molto alto. Ben più alto che in Libia dove, in ultimo, il regime change diviene l’obiettivo finale e per ottenerlo si finisce per appoggiare dei ribelli (rischio calcolato?) la cui composizione era oscura poco meno degli attuali insorti siriani.
Ecco quindi che la volontà di intervenire in Siria in modo limitato nel tempo e nelle modalità di azione finisce col tradursi, all’atto pratico, nell’appaltare la gestione del post-conflitto ad attori quali Arabia Saudita, Iran, Qatar, Turchia, Israele etc. Attori che, verosimilmente, si giocherebbero in questa partita buona parte del loro ruolo futuro. Quali scenari apre questa possibilità? Si verificherà una transizione di regime oppure scoppierà un più ampio conflitto capace di coinvolgere tutta l’area? Nessuno può prevederlo con certezza, questo è il dato di fatto. La domanda che mi pongo di conseguenza io è la seguente: l’impossibilità di prevedere lo scenario deriva forse dal processo di regionalizzazione della sicurezza o, in altra formula, di transizione verso una qualche forma di multipolarismo?
Se questa è la strada non sarà mica che nell’enfatizzare il valore di un mondo più multipolare certa letteratura accademica (e di conseguenza anche molte proposte di ordine politico) abbia sottostimato il fatto che un ordine multipolare significhi, all’atto pratico, anche “appaltare la gestione sul campo” ad attori di cui non possiamo prevedere completamente le mosse. Detto in altre parole, l’incertezza sul post-conflitto in Siria è particolarmente forte perché si ha la sensazione che in futuro la tendenza sarà sempre più questa? Una risposta precisa al momento non c’è ma di indizi ne intravedo diversi.
In conclusione non vorrei che, soprattutto in Europa, l’entusiasmo nel dibattito sulla multilateralità o la multipolarità abbia un po’ oscurato che cosa questo comporti in termini di assunzione di responsabilità e di risvolti in termini di sicurezza. Con la Siria alcune di queste problematiche, finora tenute un po’ in sordina, emergono drammaticamente.
Robert Kagan forse sarà felice perché con il venire meno dell’ombrello americano il bluff europeo si rivela completamente; ciononostante gli interrogativi rimangono tutti sul campo.
Annunci

Un pensiero su “Ancora tutti entusiasti per il multipolarismo?

  1. “In conclusione non vorrei che, soprattutto in Europa, l’entusiasmo nel dibattito sulla multilateralità o la multipolarità abbia un po’ oscurato che cosa questo comporti in termini di assunzione di responsabilità e di risvolti in termini di sicurezza.”

    Colto perfettamente il punto:io vedo una tendenza sempre più forte all’intergovernamentalismo (che parola di merda, non ne ho altre però) in ogni campo anche quello economico, figurarsi quello diplomatico. Il tutto accompagnato dall’illusione che esista “un’Europa” sulle questioni di politica estera. Io dico di no: e il bluff è questo; spacciare per posizione europea una impossibile e continuativa ricerca del compromesso su ogni tematica inerente alla proiezione esterna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...